22 ott 2018

Esordio casalingo per la GeneaBiomed Chivasso e secondo successo stagionale dopo la vittoria contro Vercelli.

CHIVASSO. Questa volta a cadere sotto i colpi di Cester e compagni è il Kolbe Torino, sconfitto per 66-50. Un risultato nettamente positivo, ma maturato solo nella seconda parte di gara, poiché l’approccio dei biancoverdi al match è stato troppo blando e nei primi 20’ di gioco il Kolbe ha messo in difficoltà i padroni di casa, sfruttando la sua intensità difensiva, recuperando palloni, facendo pagare a caro prezzo ai chivassesi le loro carenze difensive e l’imprecisione nell’esecuzione dei movimenti offensivi. Pronti via e Kolbe si porta sul 7-13 grazie a Bensi e De Santis, che si incuneano nella difesa bianco verde con troppa facilità. Volpe e Delli Guanti si mettono in proprio per ricucire le distanze, ma la confusione offensiva rilancia gli ospiti 13-20, prima che due recuperi di Pepino chiudano il quarto sul 16-20. Anche nel secondo quarto alla GeneaBiomed mancano sia l’equilibrio offensivo sia quello difensivo e così Kolbe continua a restare attaccato alla gara. Ci vogliono due triple consecutive di Morello per destare i compagni, seguito da Vai che infila il tiro da tre punti che vale il 28-22. Vantaggio gestito fino alla sirena di metà gara (31-27). Finalmente nel terzo periodo si vede la vera Chivasso: la difesa registra i movimenti, le rotazioni mandano fuori giro l’attacco avversario ed i possessi aumentano nelle mani chivassesi. Possessi trasformati in punti preziosi da Delli Guanti e Cester, autore di 9 punti che scavano il break e fermano il tabellone sul 52-34. Un vantaggio importante che Kolbe prova a rosicchiare negli ultimi 10’, arrivando ancora a -13, ma gli ultimi assalti sono respinti da Volpe e Ratto che permettono alla GeneaBiomed di tagliare il traguardo a braccia alzate.

Nessun commento:

Posta un commento