10 dic 2016

COLLEGNO BASKET | Articolo sul momento della prima squadra con le dichiarazioni di capitan Miglini

Nello sport, a volte le ambizioni giocano dei brutti scherzi. Aspettarsi troppo da se stessi o vincolare la propria soddisfazione al raggiungimento di un obiettivo, infatti, può diventare un’arma a doppio taglio: se lavorare con un traguardo fisso nella
mente è certamente importante, lasciarsi attanagliare dalla pressione o dall’ansia del fallimento si rivela altrettanto pericoloso. Ragiona proprio in quest’ottica il Collegno Basket, soprattutto in ambito di prima squadra. Il ritorno di un campionato senior al PalaCollegno, infatti, sta coincidendo con la dichiarata ed esclusiva volontà di divertirsi, senza pensare più di tanto a una posizione da raggiungere in classifica al termine della stagione. Lo suggerisce la struttura della squadra, giovanissima, neopromossa e frizzante, lo indica altrettanto lo stile di gioco sfrontato proposto dalla truppa di coach Carbone e lo segnala anche l’incoscienza di un gruppo che, nel bene e nel male, sta dimostrando di saper essere inequivocabilmente se stesso. In questo sorprendente primo scorcio di campionato dei “Leoni”, non avrebbe senso dare troppo peso al passo falso dell’ultimo weekend a Trecate, perché sono già molte di più le belle storie da raccontare in pochi mesi. Un po’ meno lo è la vicenda di capitan Miglini, costretto fuori da un infortunio al ginocchio che, verosimilmente, lo costringerà a guardare i compagni da fuori per gran parte della stagione. Da vero leader, tuttavia, non passa giornata senza che il playmaker biancorosso non faccia sentire carisma e sostegno al gruppo, provando a risultare utile anche con le scarpe da gioco momentaneamente slacciate.
“Ringrazio tutti per essermi stati vicini fin da subito e aver avuto una parola di conforto o un pensiero nei miei confronti, dopo l’infortunio – commenta Miglini – ma posso garantire che la mia assenza non cambierà niente nell’atteggiamento della squadra. Continueremo a lottare senza lasciarci demoralizzare dalle difficoltà, dando il massimo ogni volta in che scenderemo in campo”
 E poi, al PalaCollegno si sta fondamentalmente bene: in un’atmosfera di festa, coinvolgimento e trasporto, le partite interne del Collegno Basket si trasformano costantemente in un momento di piacevole condivisione. Lo ha scritto chiaro e forte l’ala Alessandro Scalzo, in un messaggio comparso su Facebook dopo l’ultimo derby vittorioso sul Cus Torino, e lo ribadisce lo stesso Miglini: “Chiediamo al pubblico di continuare ad aiutarci. L’apporto e l’affluenza dei nostri sostenitori ci regalano una sensazione bellissima, che si rivela anche un’arma molto preziosa”
Per continuare il trend, appuntamento domani sera (ore 21.00) al PalaCollegno per la sfida contro Saluzzo. Con impegno, ma senza badare alle pressioni, naturalmente.

Gianluca Tartamella

Nessun commento:

Posta un commento